INNOVAZIONE   EMOZIONE   CAMBIAMENTO

EcommerceDay: dove si costruisce il futuro dell’ecommerce, si creano le idee, le partnership e i trend più innovativi.

 
 

Benvenuti a tutti alla 10 Edizione di EcommerceDay!

Oggi abbiamo raggiunto un bel traguardo ed è un anniversario importante per EcommerceDay.

Abbiamo sognato e lavorato molto per progettare e realizzare questa edizione.

L’anno scorso, in chiusura della 9° Edizione, avevamo già deciso ed annunciato le 3 parole chiave ed il focus della presente edizione che oggi sono ancora più importanti che mai. Noi pensavamo al cambiamento digitale, tecnologico, generazionale ma di certo non potevamo immaginare lo tsunami che ha travolto l’intera umanità.

La presente edizione assume un’importanza particolare, dato l’anno tormentato in cui ci siamo ritrovati ad organizzarla.

Quest’anno articoleremo i dibattiti intorno a tre nuclei tematici distinti: Innovazione, Emozione e Cambiamento.

L’anno che stiamo per lasciarci alle spalle è stato costellato da incagli, imprevisti e sfide di varia natura che hanno comportato la necessità di pensare soluzioni diverse per poter fare i conti con la realtà di tutti i giorni.

Stiamo vivendo una rivoluzione globale e un boom dell’e-commerce.

Il Covid porta con sé trasformazioni irreversibili per ogni singolo individuo, famiglia, azienda e per il paese.

A livello mondo stiamo assistendo ad una veloce trasformazione delle abitudini e dei comportamenti dei consumatori.

 
 
 
Durante la 10° Edizione di EcommerceDay vedremo l’impatto del Covid sulla domanda di beni e servizi, il ruolo della tecnologia, l’impatto dei cambiamenti sul consumatore, sulla produzione, sulla vendita, il ruolo dei negozi fisici e come cambia il rapporto e la relazione con l’utente finale.

Affronteremo il tema dell’economia digitale, del carattere di inclusività che la tecnologia deve avere, di come migliorare le connessioni sul territorio nazionale e a livello mondo, di come creare servizi digitali sicuri e veloci, dell’importanza di proteggere i dati e i servizi online, del ruolo fondamentale della digitalizzazione e dei processi di innovazione che debbano rispettare un’etica è mettere al centro l’essere umano.

Ci proponiamo inoltre di scoprire quali sono i nuovi scenari di sviluppo per il Made in Italy.

Il contesto geopolitico è sempre più complesso e ciò si ripercuote sulle dinamiche di investimento che vanno rinnovate. In una strategia che guardi al futuro non si può tralasciare l’elemento sostenibilità, così come il ruolo della tecnologia nel rilanciare produzione e produttività laddove queste vengano meno a causa di pandemie impreviste.

In quanto parte integrante del sistema produttivo italiano abbiamo il dovere e l’opportunità di influire sul cambiamento in corso per approdare ad un futuro più sostenibile, segnato da nuovi valori, nuove connessioni e nuovi pilastri.

Oggi più che mai dobbiamo avere CORAGGIO, diventare più flessibili ed abbracciare con entusiasmo tutte le novità introdotte dalla tecnologia digitalizzando i processi aziendali e facendo UP-skilling e RE-skilling del nostro personale per essere pronti quando i consumatori torneranno a spendere.

EcommerceDay dedica questa edizione al mercato premium.

Il Made in Italy è sinonimo di eccellenza e noi vogliamo festeggiare insieme a chi ha saputo innovare, a chi ha saputo cogliere i benefici del cambiamento e a chi ha dato valore al tempo, alle persone e alla società.

Il Fashion & Luxury sono settori estremamente importanti per l’Italia. Lo dimostrano i numeri: con un fatturato di circa 80 miliardi rappresenta l’8,5% del PIL e con circa 500 mila addetti il 12,5% degli occupati del settore manifatturiero italiano.

Nel 2019 il settore ha avuto un saldo commerciale tra quello che si è esportato e importato positivo per circa 33 miliardi il più alto dopo il settore della meccanica.

I dati del 2020 invece non sono purtroppo positivi. Nei mesi del lockdown non hanno potuto lavorare circa 300.000 persone, di cui 130.000 nel settore retail e per l’inizio del 2021 si contempla un aumento della disoccupazione che varia dal 31% al 39%. Le associazioni di categoria prevedono inoltre che il 10-15% dei negozi chiuderanno nel breve periodo.

Si stima poi una decrescita del 30/35% nel settore Fashion & Luxury, contando che solo nel mese di aprile 2020 la produzione ha avuto un crollo dell’80% rispetto ad aprile 2019, mentre le vendite hanno toccato quota -83%.

L’importanza del settore per l’economia nazionale e allo stesso tempo la gravità dei numeri appena riportati, ci impongono di fare una riflessione profonda sul periodo che la moda e il lusso italiano stanno vivendo.

Lo shock negativo che sta mettendo a dura prova le economie mondiali sembra inarrestabile: oggi più che mai è necessario concentrarsi sui propri punti di forza ed accrescerli.

Onorato di avere voi relatori connessi in streaming per via del nuovo DPCM anziché in presenza, con il vostro contributo vorrei dirigere l’attenzione del pubblico verso una nuova ripartenza mantenendo le persone al centro, verso un nuovo futuro, accogliendo il cambiamento in atto come una grande opportunità e con la nobiltà che contraddistingue da sempre il tessuto imprenditoriale italiano.

Questi due giorni avranno lo sguardo al futuro senza dimenticare la ricchezza del passato da cui discendiamo, per una veloce e brillante ripartenza del paese.

Buon EcommerceDay a tutti!

 

I VOLTI DI ECOMMERCEDAY 2020

 

 
 

 

EcommerceDay, sensibile al contesto sociale e all’economia circolare, anche quest’anno dirige i riflettori verso le categorie più fragili e devolve agli Asili Notturni di Torino, insieme al giovane artista Karol Mihai, un opera realizzata per l’evento, THE SOUL OF THE EARTH

 


LA DECIMA EDIZIONE


5.487
partecipanti da tutto il mondo

63
speaker

28
ore di contenuti prodotti

2
giorni di evento

290.996
interazioni tra i partecipanti sulla piattaforma

ECOMMERCEDAY IN NUMERI

 

EDIZIONI


PARTECIPANTI

SPEAKER


PARTECIPANTI A 4 O PIÙ EVENTI

ARTICOLI ON-OFFLINE

La X Edizione di EcommerceDay è stata accreditata e pubblicata sulla piattaforma SIGeF per i crediti formativi dei Giornalisti.

 

PARLANO DI NOI

News