ENI ed ENEL: brand al servizio della digital transformation

ENI ed ENEL: brand al servizio della digital transformation

 

Che cos’hanno in comune tra loro due tra i più rinomati e potenti brand della storia del nostro Paese? Entrambi fornitori di energia elettrica, entrambi colossi che hanno scritto pagine importantissime nel settore. I due brand sono sempre stati impegnati nella ricerca di strategie volte a innovare e snellire i processi di produzione. Con risultati di grande e duraturo successo. 

ENI: un brand storico in continua evoluzione

Eni è l’attore principale nel mercato del gas e della produzione di energia elettrica da più di 50 anni. Nata nel 1953 è diventata una società per azioni nel 1992.

Il fatturato a tenuta costante che l’azienda ha potuto guadagnare è frutto di una paziente e oculata ricerca delle tendenze di mercato, unita al fatto che l’innovazione tecnologia non è mai stata messa in secondo piano dai vertici della società. 

Eni asce a metà del Novecento da una società già esistente, l’Agip, creata nel 1926 dietro l’obiettivo di scovare giacimenti petroliferi e commercializzare petrolio e suoi derivati. Fu solo nel 1946 che si poterono trovare alcuni giacimenti di idrocarburi in Val Padana, fatto che permise a Enrico Mattei, commissario straordinario dell’Agip, di rilanciare l’attività. 

La grandezza di un brand passa sempre dal logo

Il leggendario cane a sei zampe, marchio scelto da Eni per simboleggiare la fedeltà del brand all'”uomo a quattro ruote”. L’icona viene immediatamente riconosciuta e apprezzata tanto dagli addetti ai lavori quanto dai consumatori. E d’altra parte, il leitmotiv che innerva l’attività della società è fondato su una cosa soltanto: l’attenzione per i clienti. 

ENI e i fondamentali della digital transformation

La società ha dimostrato di saper affrontare con efficacia le sfide poste dalla Digital Transformation, riuscendo a mutare il proprio operato coerentemente. Sfruttare il potenziale della Rete, il potere delle tecnologie mobili, l’intelligenza artificiale, share economy, soluzioni in cloud, ha permesso a Enel di ripensare i propri modelli di business promuovendo la diffusione della trasformazione digitale all’interno del proprio organico.

Eni Gas e Luce si occupa del mercato delle tariffe di gas e luce, tanto per aziende quanto per privati. La produzione gira intorno ai 44000 GWh di elettricità, e vi sono forti investimenti sul gas naturale, cui si prevede che entro il 2020 finirà per coprire il 2% della produzione totale.

ENEL: innovare nel rispetto dell’ambiente
Enel nasce in Italia nel 1962. Cinquantasei anni più tardi è una multinazionale dell’energia che opera in 31 paesi e si impegna a diffondere l’energia in maniera innovativa e sostenibile. 

Una storia al servizio dell’energia

La società ha scritto la storia più importante d’Italia, in termini di energia, configurandosi come prima la azienda elettrica del bel Paese.

Fulvio Conti, CEO del gruppo, viene nominato amministratore delegato di Enel nel 2005, segnando di fatto una svolta nella politica interna alla società: più investimenti in termini di innovazione, internazionalizzazione e diversificazione. Seguono acquisizioni, espansioni, fusioni, tanto in Europa quanto in America. Nel giro di un cinquantennio, Enel diventa una multinazionale presente in 40 Paesi. Il fatturato raddoppia, così come la capacità produttiva e l’ambizione, da parte del Gruppo, di tenersi sempre alla guida del settore. 

Con il cambio di amministrazione e l’ingresso in campo di Francesco Starace, Enel continua il processo di cambiamento ed espansione. Investimenti copiosi legati all’energia rinnovabile e sostenibilità ambientale.

ENI ed ENEL: brand legati alla trasformazione digitale

Recentemente Enel ha avviato un percorso per dare nuova vita a 23 centrali, anche al di fuori del settore energetico. L’idea di fondo poggia sulla cosiddetta Creating Shared Value, un sistema che favorisce il coinvolgimento diretto di tutti gli stakeholder e creare valore condiviso da tutti gli addetti ai lavori. In che modo? Riqualificando ad esempio impianti che hanno sostenuto la crescita industriale del nostro Paese e che oggi, attraverso la collaborazione con i territori, possono raccontare nuove storie di sviluppo e innovazione al servizio dell’ambiente.

Il sistema adottato da entrambi i colossi punta a portare all’Italia un’energia nuova. Energia che guarda al futuro tanto delle persone, quanto delle aziende, dietro l’obiettivo di affrontare insieme il cambiamento che la trasformazione digitale ha reso necessario.  

 

In occasione dell’EcommerceDay, uno dei più importanti eventi sull’e-commerce che si terrà il prossimo 19 ottobre a Torino, avremo modo di approfondire la storia di numerosi brand del territorio piemontese, analizzando il loro legame con la digital transformation.

Per scoprire di più sull’evento e approfittare della promozione che ti offre più del 50% di sconto sul prezzo dei biglietti, visita il sito.